Principi fondamentali

  1. La Fondazione Santa Chiara, Ente di formazione accreditato presso la Regione Lombardia, si prefigge l’educazione e la formazione professionale dei giovani, allo scopo di prepararli ad assumere il proprio compito nella Società con la competenza professionale e le responsabilità loro richieste. Per questo è centrale il rapporto tra adulti (docenti, tutor aziendali, …) e allievi in cui la trasmissione di professionalità si accompagna alla comune ricerca della realizzazione delle proprie attese di scopo e felicità per la vita. E’ dunque compito di tutti rispettare questo regolamento che viene dato perché si faciliti al massimo questa possibilità di scambio reciproco in un’ordinata vita scolastica e lavorativa.
  2. Gli allievi sono tenuti a mantenere un comportamento corretto, evitando linguaggi e atteggiamenti scurrili e violenti, sia durante le lezioni che nei momenti di ricreazione. Sono inoltre tenuti ad un abbigliamento consono alla struttura formativa e all’ambiente lavorativo; si precisa che durante le lezioni non sarà consentito il consumo di cibi o bevande. Si avverte che i bagni dovranno essere utilizzati di norma solo durante l’intervallo.
  3. All’interno della Scuola Professionale, durante le lezioni, i telefoni cellulari devono essere tenuti spenti e nello zaino. A fronte di inosservanza di tale regola sarà disposto il ritiro del cellulare da parte del docente e depositato in Direzione. Il cellulare verrà riconsegnato solamente ad un genitore/tutore da parte della Direzione. Si precisa che per quanto riguarda le comunicazioni tra alunni e famiglie o tra famiglie e alunni è necessario, in caso di reale necessità, ricorrere alla Segreteria didattica e in nessun caso al cellulare personale dell’alunno/a.
  4. All’interno della Scuola Professionale è severamente vietato effettuare riprese e/o foto non autorizzate che coinvolgano allievi, docenti, personale vario nel pieno rispetto della normativa sulla privacy.
  5. Gli allievi sono tenuti a rispettare gli impegni assunti con i docenti e le indicazioni da loro fornite. Questo permette di favorire e accrescere il grado di maturità reciproco e il senso di responsabilità, condizioni essenziali nel ricoprire un ruolo professionale nel mondo del lavoro.
  6. Si esige il rispetto di tutti gli arredi del Centro, degli ambienti, delle attrezzature e di tutto il materiale in dotazione. Gli allievi che arrecheranno danni alle attrezzature e agli arredi, saranno tenuti a rifondere per intero le spese di riparazione. Qualora il responsabile non venisse identificato le spese verranno attribuite all’intera classe o all’intero corso. Ciascuno è responsabile dei propri beni e deve rispettare quelli degli altri; si raccomanda di mantenere pulizia e ordine nelle aule. Il Centro non risponderà circa danni o furti di oggetti personali degli allievi lasciati incustoditi; pertanto si raccomanda, durante gli spostamenti da aula a laboratorio e viceversa e negli intervalli, che borse e materiale didattico siano custoditi dagli alunni. E’ severamente vietato l’utilizzo di un bene comune ( ad es. prese elettriche e Lim) per un interesse personale senza il consenso del Docente, che si riterrà garante del corretto utilizzo.
  7. La frequenza ai corsi è obbligatoria; il calendario e l’orario di lezione, compresi i periodi di vacanza e festività, saranno comunicati con anticipo dalla Direzione.
  8. L’assenza deve essere comunicata almeno nella giornata di inizio della stessa. L’allievo è tenuto a custodire, portare con sé e compilare debitamente (per assenze, ritardi, uscite anticipate) il libretto scolastico personale, che pertanto dovrà essere mantenuto in ordine e riservato a compiti, voti e comunicazioni scuola-famiglia. Ogni assenza di cui non sia avvenuta comunicazione alla scuola sarà segnalata alla famiglia. E’ necessario segnalare e giustificare ogni ritardo superiore ai 15 minuti.
  9. L’allievo che sia stato assente, che arrivi in ritardo o che esca anticipatamente dalle lezioni verrà riammesso in aula (o nell’azienda in cui svolge lo stage formativo) solo dopo aver presentato giustificazione scritta sul proprio libretto scolastico personale. Agli allievi non è permessa l’uscita dal centro o l’entrata posticipata se non previo contatto della segreteria con la famiglia.
  10. Durante le ore di attività didattica (da orario ufficiale comunicato alle classi dalla Direzione) gli allievi non possono allontanarsi dal Centro. Durante l’intervallo è invece vietato sostare nelle aule e nei laboratori.
  11. In base alla normativa vigente è vietato fumare in tutti i locali scolastici e nei cortili della Fondazione. Qualora il Formatore si accorga che l’alunno/a abbia trasgredito al divieto, dovrà informare tempestivamente la Direzione che prenderà provvedimenti disciplinari in accordo con il C.d.C.
  12. Durante l’anno formativo sono previsti incontri dei consigli di classe con la presenza delle famiglie, secondo il calendario annuale. I docenti sono comunque sempre disponibili al ricevimento o anche al solo contatto telefonico con le famiglie per colloqui individuali.
  13. L’anno formativo si articola in due quadrimestri, al termine dei quali verrà rilasciata una “pagella di profitto” con indicazione delle competenze raggiunte.